• Subcribe to Our RSS Feed

Fede nei momenti difficili

Mar 24, 2020 by     No Comments    Posted under: News

GIACOMO 1: 1-8

V.1

Giacomo, servo di Dio e del Signore Gesù Cristo alle dodici tribù che sono disperse nel mondo: salute.

  • Servo di Dio e di Gesù Cristo
    • Dimostra la sua umiltà
      • Siccome con tantissima probabilità è il fratellastro di Gesù, ma non si identifica cosi, per non darsi le arie
  • Agli Ebrei dispersi
    • Atti 7 la persecuzione dei Cristiani Ebrei (Stefano martire)
    • Sono Ebrei dispersi nel impero Romano (non accettati dai pagani)
    • Sono Cristiani, de quindi non accettati dagli altri Ebrei
    • Vivono una vita piena di grandi prove
      • Sono molto poveri, e questo si capisce dal resto del libro, e l’enfasi sulla povertà e ricchezza

V.2

Fratelli miei, considerate una grande gioia quando venite a trovarvi in prove svariate, 

  • Scrive a Fratelli, un modo molto tipico per riferire ad altri Cristiani
  • Grande gioia nella prova
  • Cosa sono le prove?
  • PROVE: 
    • Sono quelle preoccupazioni e difficolta che distruggono la nostra pace e la nostra gioia
    • Non parliamo di brutte conseguenze al nostro peccato
      • Se io uccido il mio vicino, poi vado in carcere a vita, questa non è una prova. Solo una conseguenza del mio peccato. 
    • Ogni prova è un esame della fede
      • Quando superi la prova dimostri forza nel Signore
      • Quando non superi la prova dimostri mancanza di costanza nella fede

V. 3

sapendo che la prova della vostra fede produce costanza.

  • La prova della fede: produce costanza 
    • Costanza: resistenza, perseveranza
    • Le prove di resistenza
      • Pensa a un maratoneta, che con costanza “prepara” il suo corpo alla gara

“Attraverso la prova, il credente imparerà a sopportare con tenacia la sofferenza, arrivando perfino ad apprezzarne i benefici, finche Dio non allontanerà la prova nel momento da lui stabilito”. 

V. 4

E la costanza compia pienamente l’opera sua in voi, perché siate perfetti e completi, di nulla mancanti.

  • La costanza opera in noi per:
    • Renderci perfetti
      • Non “l’assenza” di peccato, ma avendo una certa maturità spirituale
    • Completi: spiritualmente parlando, abbiamo tutto quello di cui abbiamo bisogno

“Se non attraversiamo le prove, non abbiamo la possibilità di crescere in costanza e maturità spirituale. La prova della fede porta in credenti in una comunione più profonda e una fede fortificata in Cristo.” 

V. 5

Se poi qualcuno di voi manca di saggezza, la chieda a Dio che dona a tutti generosamente senza rinfacciare, e gli sarà data.

  • Saggezza: l’esercizio del discernimento
  • Per gli Ebrei la saggezza è molto pratica (non come i Greci)
    • Informazione in testa che poi cambia il mio modo di vivere nel quotidiano

“Dio usa le prove per portare i credenti ad una maggiore dipendenza su di lui. Ci aiuta a confrontarci con la nostra inadeguatezza e debolezza”. 

  • Dio dona saggezza senza rinfacciare
    • E noi come doniamo?

V. 6

Ma la chieda con fede, senza dubitare; perché chi dubita rassomiglia a un’onda del mare, agitata dal vento e spinta qua e là. 

  • Chiedere con fede: fiduciosi di una risposta sovrana (divina)
  • Senza dubitare 
  • DUBBIO è assenza di FEDE
  • Dubitare le capacita di Dio sono una mancanza di stabilita: non credere ad un Dio onnipotente e onnisciente

V. 7-8

Un tale uomo non pensi di ricevere qualcosa dal Signore, perché è di animo doppio, instabile in tutte le sue vie.

  • La preghiera senza fede non può essere risposta da Dio
    • A volte anche la preghiera fatta con fede viene risposta da Dio con un:
      •  ASPETTA, NON ADESSO, NO, NON FA PARTE DELLA MIA VOLONTA’
  • Una mente divisa: Dio o dubbi?
  • Un ipocrita: sta parlando di una persona che non conosce veramente Dio
    • I dubbi che ha in testa sono più forte del Dio in cui crede

Parabola dei terreni:

Luca 8:4-15 

«Il seminatore uscí a seminare la sua semenza; e, mentre seminava, una parte del seme cadde 

  • lungo la strada
  • sulla roccia
  • in mezzo alle spine
  • buon terreno

11 Or questo è il significato della parabola: il seme è la parola di Dio. 12 Quelli lungo la strada sono coloro che ascoltano, ma poi viene il *diavolo e porta via la parola dal loro cuore, affinché non credano e non siano salvati. 13 Quelli sulla roccia sono coloro i quali, quando ascoltano la parola, la ricevono con gioia; ma costoro non hanno radice, credono per un certo tempo ma, quando viene la prova, si tirano indietro. 14 Quello che è caduto tra le spine sono coloro[b] che ascoltano, ma se ne vanno e restano soffocati dalle preoccupazioni, dalle ricchezze e dai piaceri della vita, e non arrivano a maturità. 15 E quello che è caduto in un buon terreno sono coloro i quali, dopo aver udito la parola, la ritengono in un cuore onesto e buono, e portano frutto con perseveranza.

Comments are closed.